Social
ITReview Qlik Elite partner for business intelligenceITReview Qlik Elite partner for business intelligence ITReview Qlik Elite partner for business intelligenceITReview Qlik Elite partner for business intelligence ITReview Qlik Elite partner for business intelligenceITReview Qlik Elite partner for business intelligence ITReview Qlik Elite partner for business intelligenceITReview Qlik Elite partner for business intelligence
en
ANY QUESTIONS?
News & Events

Dati: l'”oro nero” tra opportunità e rischi

23 November 2017

2,5 quintilioni (un numero con 18 zeri) solo nel 2015; stiamo generando più informazioni che nell’intera storia dell’umanità.

Oggi le persone e le organizzazioni producono dati in continuazione, col cellulare, obliterando il titolo di viaggio sulla metro, pagando la spesa al supermercato, registrando un ingresso in magazzino, accendendo la tv o la luce negli ambienti con domotica, etc. Forse anche facendo sesso, se il preservativo lo si è acquistato con carta di credito (o debito).

Questo data lake poi viene utilizzato da altre persone e aziende per orientare persone e processi con buona certezza. E il valore economico dei dati aumenta, perché averli, saperli raccogliere e interpretare farà la differenza.

Ha ragione quindi chi sostiene che i dati sono una fonte di ricchezza potenzialmente infinita, ‘il nuovo petrolio’ come qualcuno li ha soprannominati.

Cognitive Computing, Machine Learning, Data insight etc solo quindi buzzwords, parole d’ordine.

In sintesi: la Data Driven Innovation.

C’è chi parla perfino di ‘mercato nero dei dati dove una identità digitale completa varrebbe 5 dollari. Usiamo il condizionale perché non frequentiamo il Darknet, ma pare che lì si possa comprare di tutto per pochi spiccioli: da un CVV di una carta di credito a una Glock, pagando magari in bitcoin. Bisognerebbe dunque pure preoccuparsi seriamente della protezione dei nostri dati, in tema di privacy e di libertà.

Il Grande Fratello sarà – è?- chi gestisce il data lake del pianeta.

Analisi dei gusti, dei comportamenti, delle informazioni riservate: chi ha l’accesso a questi input può sapere tutto dei clienti, dei dipendenti, della forza commerciale, dei suoi magazzini, del transito sugli scaffali, delle scorte e degli sprechi, dei vicini di casa…minuto per minuto.

Scegliere il partner per la Business Intelligence per una organizzazione non è più solo una scelta di funzionalità di software e soluzioni, ma anche di protezione dei propri interessi e degli stakeholder in essi coinvolti.

Come back